Baci dei Nebrodi

Una ricetta facile e veloce per preparare i baci fatti in casa.
1Sciogliete a bagnomaria il cioccolato, una volta che risulta liquido aggiungete la pasta pura di nocciole Conti Nobile Natura e mescolate energicamente. Ponete in frigo per circa 10 minuti il tempo di rendere l’impasto più solido. Questo servirà a formare l’interno del vostro cioccolatino.

2Con il composto ottenuto formate delle palline e sulla sommità incastrate una nocciola intera.

3Sciogliete a bagnomaria il restante cioccolato, immergete i cioccolatini, con l’aiuto di una forchettina scolateli bene e metteteli a solidificare su della carta forno.

4Preparate un bigliettino con una frase speciale, incartate con carta stagnola.

I vostri baci fatti in casa sono pronti! Buon appetito!

INGREDIENTI per l’interno:

  • 80 gr di pasta di nocciole Conti Nobile Natura,

  • 30 gr di cioccolato fondente.

INGREDIENTI per la copertura:

  • 30 gr di nocciole intere Conti Nobile Natura

  • 100 gr di cioccolato fondente 75%

Il celebre Bacio fu creato a Perugia nel 1922: Luisa Spagnoli, storica fondatrice dell’azienda, pensò di utilizzare gli scarti di lavorazione (principalmente frammenti di nocciole) che venivano gettati, per realizzare un composto di nocciole e cacao. Ne venne fuori uno strano cioccolatino dalla forma irregolare, che ricordava un pugno chiuso, da qui il nome “Cazzotto”. Giovanni Buitoni, amministratore delegato dell’azienda, propose di metterci una nocciola intera sopra e di chiamarlo Bacio.

Il matrimonio tra la nocciola e il cacao avvenne intorno al 1806 a Torino: a causa del blocco navale imposto da Napoleone alle navi inglesi e tutti i prodotti provenienti dalle colonie, i cioccolatai torinesi, abituati a produrre ai tempi 350kg di cioccolato al giorno, decisero di tagliare il cacao disponibile con la nocciola delle Langhe. Nasce così il Gianduia.

Il celebre Bacio, invece, fu creato a Perugia nel 1922: Luisa Spagnoli, storica fondatrice dell’azienda, pensò di utilizzare gli scarti di lavorazione per realizzare un composto di nocciole e cacao. Ne venne fuori uno strano cioccolatino dalla forma irregolare, che ricordava un pugno chiuso, da qui il nome “Cazzotto“. Giovanni Buitoni, amministratore delegato dell’azienda, propose di metterci una nocciola intera sopra e di chiamarlo Bacio. Tra i due, nonostante la notevole differenza di età (la Spagnoli aveva 14 anni di più, era sposata e con prole), intercorreva un tenero amore platonico, quel cioccolatino – che racchiudeva sotto una copertura fondente un cuore di gianduia e granella di nocciole – divenne l’emblema di quel bacio che non riuscirono mai a darsi e, insieme, il simbolo della festa di San Valentino.

Quindi se volete fare un regalo davvero speciale alla persona che amate regalategli un Bacio, ovviamente fatto in casa con le migliori nocciole siciliane! 🙂

2019-02-22T11:36:45+00:00

Leave A Comment